Segui cheScienza anche su Facebook

Registrati a cheScienza e commenta i nostri articoli

  

Il solstizio d’estate

Solstizio d'inverno a StnehengeSiete pronti per l’inizio dell’estate?

Oggi, 21 giugno, è il giorno in cui secondo il calendario inizia una nuova stagione, quella del caldo, delle vacanze al mare o in montagna!

Ma sapete che cosa succede, in cielo, il 21 giugno? Astronomicamente si tratta del solstizio d’estate, il momento in cui il Sole, a mezzogiorno, raggiunge nel suo moto apparente nella sfera celeste la sua altezza massima sull’orizzonte. Cliccando qui potrai leggere il nostro articolo sul viaggio apparente del Sole, mentre qui abbiamo parlato dell’alternarsi delle stagioni.

Nella fascia del Circolo Polare Artico nella notte tra oggi e domani il Sole non tramonterà mai, rimanendo sempre sopra alla linea dell’orizzonte (è il Sole di mezzanotte!). Al Polo Nord, da oggi sarà sempre giorno fino a settembre!

Il solstizio d’estate è il giorno più lungo dell’anno e da sempre viene festeggiato come inizio della “stagione della luce” con riti propiziatori e feste. Gli antichi Celti per esempio, accendevano dei fuochi per dare ancora pià energia al sole e sperare in raccolti abbondanti. Il sito archeologico di Stonehenge (vedi qui il nostro articolo al riguardo) in Inghilterra è famoso per essere un punto di osservazione privilegiato per ammirare l’alba del solstizio d’estate.

In Svezia, si celebra in questi giorni di giugno la festa di mezza estate (Midsummer) la ricorrenza più importante per gli abitanti di questo paese che festeggiano con balli, canti, pranzi e giornate all’aperto.

Il ritorno sulla Terra di AstroSamantha

Samantha_working_on_BRICS_large

Samantha Cristoforetti, la prima astronauta italiana nello spazio e la donna che ha trascorso più tempo in orbita in tutta la storia delle missioni spaziali, saluta oggi la Stazione Spaziale Internazionale dove era arrivata alla fine di novembre del 2014 (leggi qui il nostro articolo in occasione della sua partenza). Durante la sua permanenza di oltre 6 mesi nella Stazione, Samantha ha compiuto molti interessanti esperimenti scientifici, tra cui quelli con i “moscerini della frutta”, battezzati da lei astromoscerini!

Oggi poco prima delle ore 9 italiane si è chiuso il portellone della navicella Soyuz con la Iss. Alle 12,20 la navicella si sgancerà dal modulo russo Rassvet per iniziare il viaggio di ritorno, che avrà una durata prevista di tre ore e venti minuti. L’atterraggio in Kazakistan è atteso per le 15.43.

Una volta tornata sul nostro Pianeta, Samantha dovrà fare una speciale riabilitazione per riabituarsi alla forza di gravità: di sicuro le mancherà “galleggiare” come ha fatto per tutti questi mesi!

Se volete seguire in diretta il suo rientro sulla Terra potete collegarvi a questo link

© Immagine dal sito dell’European Space Agency http://www.esa.int/

Froggy e Spinny presentano… i quaderni dei viaggi e delle scoperte!

lancio_sito_loghi
Froggy e Spinny sono i protagonisti di una serie di libri che vi porterà in giro per il mondo (e anche nello spazio) in cerca di cose interessanti da scoprire!

I nostri Quaderni dei viaggi e delle scoperte fanno parte della collana STICKY BOOK edita da IMAGICOM EDIZIONI e sono ricchi di adesivi attacca-stacca con cui decorare le pareti, il frigorifero e ogni tipo di superficie, per ricreare ovunque le avventure delle nostre simpatiche mascotte!

sticker3 sticker2 sticker1

Presto li troverete in libreria; nel frattempo vi mostriamo le copertine dei primi quattro libri che saranno presentati in anteprima all’imminente Fiera del Libro per Ragazzi di Bologna.

Copertine sticky books

per saperne di più sugli sticky book, vai al sito di IMAGICOM cliccando sull’immagine qua sotto:
Sticky book

L’eclissi fotografata

AVete visto l’eclissi del 20 marzo 2015?
Noi l’abbiamo fotografata con i metodi indiretti che vi avevamo spiegato qui.
Un’amica di Chescienza invece ci ha inviato una foto diretta scattata con un filtro.

Ecco le fotografie, mandateci anche le vostre, se ne avete, e le pubblicheremo!

foto 1
Foto dell’eclissi con il metodo del cartoncino forato

fotogiusta
Foto dell’eclissi con il metodo del colapasta/colino

foto 3

foto 4
Foto dell’eclissi proiettata usando un binocolo al contrario

11071944_10206169880036199_2634792007764450520_n
Foto © Tina Monfreda, scattata con macchina fotografica compatta, modalità manuale, con una lastra radiografica usata come filtro solare tra l’obiettivo e il cielo.

L’eclissi di Sole

800px-Solar_Eclipse_July_22_2009_Incheon_113335KST

Sta per succedere una cosa strana, nel cielo di marzo!
Venerdì 20 ci sarà infatti un’eclissi parziale di Sole.
Volete sapere che cos’è un’eclissi e come si può osservare?

Eclissi è una parola che deriva dal greco e significa “abbandono”: la luce abbandona il Sole (o la Luna).
Si ha un’eclissi di Sole quando è il Sole a essere coperto, in parte o del tutto, dall’ombra della Luna.
Si ha un’eclissi di Luna quando è la Luna a essere oscurata dall’ombra della Terra.

Perché questo accada, Terra, Luna e Sole devono trovarsi “in fila”, cioè sulla stessa linea.

Eclipse_diagram_not_to_scale

Venerdì l’eclissi di Sole sarà visibile dall’Italia. Inizierà poco prima delle 9.30, avrà il suo massimo verso le 10,30 per terminare un’ora dopo, alle 11,30 circa.
Gli orari variano a seconda delle località. In questa mappa interattiva della Nasa si possono scoprire, ricordandosi di aggiungere un’ora perché sono indicati gli orari del “tempo universale” UTC.

Se volete osservare l’eclissi ricordate che guardare il Sole a occhio nudo è molto pericoloso e ci vogliono protezioni speciali, come gli appositi occhialini o occhiali da saldatore ad altissima protezione. Gli occhiali da sole non bastano e non sono adatti nemmeno altri schermi “fai-da-te” che a volte vengono consigliati (come pellicole fotografiche o lastre radiografiche): si rischia di danneggiare in modo grave la vista!
Noi di Chescienza però vi sveliamo un trucco per vedere l’eclissi… senza guardarla!

Per vedere la progressione dell’eclissi, cioè il disco del Sole che viene via via coperto dall’ombra della Luna, si può usare un cartoncino su cui avremo fatto un piccolisimo foro. Mettendolo in modo che i raggi del sole lo attraversino, davanti a una parete o a un foglio bianco, si vedrà l’immagine del Sole proiettata sullo “schermo”.
In alternativa, per proiettare l’immagine si può usare uno strumento che è già forato di suo… come un colapasta!

Crediti fotografici:

http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/6/6f/Solar_Eclipse_July_22_2009_Incheon_113335KST.jpg

http://commons.wikimedia.org/wiki/File%3AEclipse_diagram_not_to_scale.png

Il pianeta con i pennacchi

Carnevale è appena passato, eppure c’è chi ha ancora voglia di indossare bizzarri “travestimenti”. Nulla di strano, se non stessimo parlando di un pianeta, Marte per la precisione.
Osservando la sua atmosfera, infatti, non si può fare a meno di notare dei curiosi “pennacchi“, alti fino a 250 chilometri! I primi ad accorgersi del fenomeno, già nel 2012, furono degli astrofili, appassionati di astronomia con gli occhi sempre rivolti al cielo.
Da allora, sono stati condotti studi approfonditi e accurate misure, per comprendere la natura di questi strani “sbuffi” di materia. Di che cosa sono fatti? Sembra escluso che siano costituiti da polveri; Marte è soggetto a frequenti tempeste di sabbia, è vero, ma le nubi polverose che sollevano non superano solitamente i 50 chilometri di altezza. Potrebbero invece essere nubi di ghiaccio o “aurore marziane“, simili alle variopinte aurore boreali che si osservano sulla Terra, ma molto più potenti e luminose.
Certo è che questa scoperta porterà gli scienziati a riconsiderare le teorie formulate finora su Marte; chi l’ha sempre chiamato “il pianeta rosso”, oggi potrà usare anche un nuovo soprannome: “il pianeta con i pennacchi”!

I pennacchi di Marte

Darwin Day 2015

Buon compleanno, Mister Darwin!

Carta di identità

448px-Charles_Darwin_by_G._Richmond

Nome: Charles Robert
Cognome: Darwin
Data di nascita: 12 febbraio 1809
Luogo di nascita: Shrewsbury, Inghilterra
Professione: naturalista
Segni particolari: padre della teoria dell’evoluzione per selezione naturale
Data di morte: 19 aprile 1882
Curiosità: il padre di Darwin sperava che il figlio diventasse medico come lui, ma il giovane Charles scoprì presto che… aveva paura del sangue! Fu così che cambiò idea (per fortuna!) e iniziò gli studi di scienze naturali.

 

Charles Darwin è nato il 12 febbraio… del 1809! Come mai si festeggia il compleanno di una persona che è vissuta due secoli fa?

Ogni anno, in questa data, si festeggia in tutto il mondo il Darwin Day perché questo signore ha avuto un’importanza fondamentale per la nostra conoscenza del mondo.
È lui, infatti, che ha intuito e spiegato come gli organismi viventi cambiano nel tempo, o meglio come si “evolvono”.
Per saperne di più, leggi qui.

Appuntamenti

Per conoscere gli appuntamenti del Darwin Day in tutta Italia cliccate qui
Controllate anche la nostra pagina News per gli appuntamenti speciali per ragazzi in occasione del Darwin Day.

Libri consigliati

Perché siamo parenti delle galline? E tante altre domande sull’evoluzione – F. Taddia e T. Pievani – Editoriale Scienza.
Mini Darwin alle Galápagos – S.Cerrato – Editoriale Scienza
Darwin e la vera storia dei dinosauri – L.Novelli – Editoriale Scienza


Avete fatto una ricerca su Darwin a scuola? Volete saperne di più? Non avete capito qualcosa? Inviateci i vostri contributi e le vostre domande su Darwin e sull’evoluzione!
Aspettiamo le vostre email: info@chescienza.com


I giorni della merla

neve

Gli ultimi tre giorni del mese di gennaio sono detti “giorni della merla” e si dice che siano i più freddi dell’anno. Sapete perché?

La spiegazione è da cercare in una leggenda, di cui esistono più versioni. Secondo una di queste, una merla e i suoi pulcini, che in origine avevano le piume bianche, si rifugiarono dentro un camino per ripararsi dal freddo e quando ne riemersero – il primo giorno di febbraio – avevano le piume nere.
Un’altra versione della leggenda racconta che ogni anno il mese di gennaio, che era freddo e antipatico – e che allora aveva solo 28 giorni – si divertiva a strapazzare una povera merla, facendo nevicare e scendere il gelo ogni volta che lei usciva per cercare da mangiare. Un anno, la povera merla decise di fare scorta di cibo e starsene rintanata per tutto il mese e uscì solo l’ultimo giorno, pensando di aver ingannato il mese cattivo. Ma lui si arrabbiò, chiese in prestito tre giorni a febbraio e scatenò una bufera di vento e gelo, costringendo la merla a rifugiarsi in un camino da cui uscì tutta nera. Da allora, si racconta, gennaio ha 31 giorni e i merli hanno le piume scure!
Se volete saperne di più sul merlo, cliccate qui!

Orion: la navicella che ci porterà su Marte

Orion with ATV SM
La giornata di ieri, 5 dicembre 2014, è stata un’altra memorabile data per la storia dell’esplorazione spaziale. Tre anni fa, dopo l’ultima missione dello Space Shuttle, sulla piattaforma di lancio di Cape Canaveral non era più tornata una navicella spaziale per equipaggio; questo fino a ieri, con il lancio della navetta Orion.
Chi c’era a bordo? Nessuno… per ora! Era un lancio di prova, senza astronauti, per verificare la messa a punto dei sistemi di lancio e di rientro in atmosfera ad alta velocità. E quando parliamo di alta velocità, non scherziamo affatto: nel suo viaggio di ritorno, Orion ha superato i trentamila chilometri all’ora, raggiungendo temperature di oltre 2200°C!
Ma andiamo in ordine…
Portata in orbita dal razzo Delta IV, Orion ha raggiunto un’altezza di 5800 chilometri (quasi 15 volte superiore alla quota in cui orbita la Stazione spaziale internazionale, di cui abbiamo parlato qui), ha fatto un paio di giri intorno alla Terra, dopodiché è tornata indietro, atterrando… anzi “ammarando” poche ore dopo. Una volta attraversata l’atmosfera, infatti, la navetta è stata rallentata da un sistema di paracadute e ha fatto il suo “splash down” nell’Oceano Pacifico.
Tutto è andato come previsto, insomma, almeno così pare: Orion è pronta per portare astronauti nello spazio ed esplorare nuovi mondi!
Questo successo porta la nostra mente avanti nel tempo, verso una delle prossime sfide del programma spaziale: portare l’uomo su Marte. E se questo accadrà (per ora l’obiettivo è fissato intorno al 2030), sarà probabilmente a bordo dell’Orion.

Verso l’infinito e oltre, con Samantha!

Samantha Cristoforetti official portrait in an EMU spacesuit

Sono passati pochi minuti dal lancio della missione spaziale Futura, e noi di CheScienza, come tantissimi altri, eravamo appiccicati agli schermi a seguire impazienti la diretta. Un lancio nello spazio è sempre emozionante, ma per noi italiani (e italiane, dobbiamo sottolinearlo) questo è stato davvero speciale, perché a bordo della navetta Soyuz, partita alle 22:01 ora italiana, c’era anche il capitano Samantha Cristoforetti, la prima donna italiana nello spazio!

Dopo l’inevitabile Wow! diciamo qualche cosa in più per i curiosi. Dove è andata Samantha, insieme al resto dell’equipaggio? E per fare cosa?

La destinazione della missione Futura è la Stazione Spaziale Internazionale (ISS), un grande laboratorio orbitante che si trova a circa 400 km sopra le nostre teste! Qui si sfruttano le particolari condizioni ambientali, impossibili da riprodurre sulla Terra, per svolgere importanti esperimenti scientifici e sviluppare nuove tecnologie utili sia per l’esplorazione spaziale, sia per la vita di tutti i giorni sul nostro pianeta. La missione Futura porterà sulla stazione spaziale nuovi esperimenti italiani, ma prenderà parte anche a quelli già in corso.

Mentre scriviamo queste righe, Samantha è in viaggio verso la stazione orbitante; l’arrivo è stimato per le 4.00 del mattino di domani (24/11/2014). Fino ad allora… buon viaggio!

Per chi vuole seguire il social-diario di Samantha, in tempo reale dallo spazio, l’appuntamento è su Twitter, all’indirizzo:
https://twitter.com/astrosamantha

Sul sito http://avamposto42.esa.int/ “Guida Galattica per terrestri in missione” troverete inoltre tantissime notizie, curiosità sulla missione e sulla vita a bordo della ISS, domande & risposte a Samantha!